ENNEAGRAMMA
ENNEAGRAMMA

Enneatipo 4

ROMANTICO - TRAGICO - CREATIVO

L’Enneatipo 4 è un individuo sensibile, emotivo, con temperamento artistico ed estroso.

 

Tende all’anticonformismo, all’edonismo ed alla ricerca dell’armonia.

 

Si sente sempre un po’, se non completamente, diverso dagli altri, con un senso latente di concomitante piacere e di invidia.

 

Talvolta può succedere che cerchi di mostrarsi superiore agli altri per nascondere un forte senso di inferiorità.

 

L’Enneatipo 4 è sostanzialmente un sognatore che tende a rimpiangere il passato e le cose belle o le persone che ha perduto, immaginandosi un futuro migliore.

 

La sua dualità si estrinseca tra un continuo altalenarsi tra la tendenza tragica e quella romantica.

 

L’infanzia dell’Enneatipo 4 è spesso caratterizzata da perdite affettive o da trasferimenti non graditi o ripetuti o sradicamenti dal proprio paese, che hanno sviluppato in lui  un senso di invisibilità che lo assilla, spingendolo a chiudersi nella sofferenza e nel sentirsi incompresi a causa dell’insensibilità degli altri.

 

E’ strettamente portato verso l’introspezione, verso l’ascolto del sé e degli altri.

 

Amore, amicizia, emozioni, affetti, sincerità sono le sue parole chiave.

 

L’Enneatipo 4 è convinto che per raggiungere la felicità bisogna passare dalla sofferenza arrivando, talvolta, a convincersi che qualcosa non va se non sta soffrendo.

 

Idealizza l’amore ma contemporaneamente ha paura di sentirsi respinto o rifiutato o abbandonato, perciò tende a mostrarsi distaccato, pur anelando per le attenzioni della persona amata che tende ad idealizzare.

 

Quando supera la fase tragica e si sposta verso il romanticismo diventa la persona più idonea ad aiutare gli altri coinvolgendoli nell’entusiasmo verso il gusto per la vita e le cose belle che vi sono.

 

E’ un comunicatore emozionale, affettivo ed empatico e dà scarsa attenzione ai dati oggettivi ed alle informazioni accurate.

 

La modalità comunicativa propria dell’Enneatipo 4, è la stessa che lo stimola, ovvero quella propiziatoria: quella iperlogica lo annoia e quella indicatoria lo spaventa.

 

Per interagire con lui bisogna adottare una modalità empatica e confortante, evitando i dati logici, statistici o assoluti.

MAL DI TESTA?

SI', CE L'AVEVO!

5 tecniche per farlo passare

in modo naturale

Stampa Stampa | Mappa del sito
© ENNEAGRAMMA - LiberaMenteBenessere - Bologna